Il Comune di Mascalucia, come molti altri paesi della provincia di Catania, è stato colpito nelle ultime settimane da autentici nubifragi che hanno ingessato la circolazione stradale e reso le strade dei pantani in cui è difficile tenersi a galla. L’amministrazione etnea, guidata dal sindaco Salvatore Maugeri, è intervenuta tempestivamente predisponendo l’esecuzione dei lavori di ripristino della funzionalità delle caditoie, del manto stradale e delle relative segnaletiche danneggiate dalle pessime condizioni atmosferiche.


L’ufficio competente, retto dal capo area, geom. Filippo Pesce, e con il coordinamento dell’assessore al ramo, Pippo Caponnetto, ha dato priorità alle situazioni di vera e propria emergenza là dove si era constatata l’interruzione della funzionalità della strada e delle tubazioni con pericoli significativi per la sicurezza stradale e dei cittadini. A più di 150 mila euro ammonta l’intervento straordinario necessario per riparare i gravi danni arrecati al patrimonio pubblico e privato di Mascalucia. Ma ciò evidentemente non basta visto che le condizioni atmosferiche non concedono tregua al territorio etneo. A tal proposito, il Comune etneo si è già attivato formulando al Dipartimento Nazionale e a quello Regionale di Protezione Civile, tramite l’ufficio guidato da Carmelo Marchese, una richiesta per “stato di calamità”. Si parla di una cifra di 1 milione di euro per un intervento radicale su numerosissime arterie viarie principali e non. <>.
Per quanto riguarda i disagi subiti dai residenti di via del Bosco a Massannunziata essi derivano dall’insufficienza costruttiva della rotatoria realizzata nei pressi del cimitero di Nicolosi. <>. L’ufficio competente ha realizzato alcune griglie in via D’Annunzio che riceve molta acqua da via del Bosco. Un altro intervento rilevante è stato eseguito per il ripristino della vasca di spandimento all’incrocio tra via del Bosco e via Pulei.

<>.